Questo sito implementa cookie tecnici e di profilazione. La prosecuzione della navigazione o l'interazione con la pagina, come l'esecuzione di un attività di scrolling dei contenuti o il click su un elemento, comporta la prestazione al consenso dell'uso dei cookie.

Articoli

TRIP LAB

Laboratori territoriali per l'occupabilitàAvviso Pubblico MIUR 07/09/2015 (riferimento D.M. n. 657 del 04/09/2015

Con decreto direttoriale del 28 giugno 2016, n. 235, il progetto presentato è risultato idoneo (vedi graduatoria Puglia), ma non vincitore, ma successivamente ha beneficiato dello scorrimento delle graduatorie autorizzato con il Decreto del MIUR 22 novembre 2016, n. 911

Il progetto TRIP LAB (un viaggio attraverso tradizione innovazione e promozione del territorio) è la creazione e formazione di nuove figure professionali da inserire nei settori legati allo valorizzazione e promozione del territorio vera ricchezza ed elemento essenziale del Salento e della sua economia.

Valorizzazione e promozione del territorio passano attraverso il rispetto delle tradizioni, la valorizzazione e tutela dell’ambiente e attraverso lo sviluppo dei settori di maggiore interesse dell’economia del Salento: il turismo, l’arte e la cultura, l’agroalimentare, il territorio e l’eco sostenibilità attraverso l’inclusione e la gestione del business.

L’idea progettuale parte dall'analisi delle problematiche sociali, della vocazione produttiva e delle risorse economiche del territorio e dalla consapevolezza condivisa della necessità di costruire il “proprio lavoro” in una società fluida che promuove e utilizza sempre più le nuove tecnologie.

In questo contesto la futura occupazione lavorativa dei giovani verte principalmente sulle nuove figure professionali e sull'auto-imprenditorialità (avvio di start-up).

Sulla base di tali ipotesi è stato ideato un laboratorio di co-working caratterizzante i vari indirizzi delle scuole coinvolte nella rete in cui ricoprono un ruolo prevalente le nuove tecnologie come richiesto dal bando.

Il laboratorio promuoverà e faciliterà le iniziative di tipo partecipato e attivo di tutti i giovani studenti presenti all'interno dei percorsi scolastici e dei giovani NEET, allo scopo di favorire il loro inserimento o reinserimento nel mondo del lavoro.

Il progetto, nel rispetto e attuazione degli obiettivi del bando, si propone di creare uno spazio di incontro e confronto di idee per i giovani del territorio dove sia possibile:

  • potenziare i processi di autodeterminazione e orientamento per un corretto sviluppo decisionale, favorendo funzioni analitiche, di previsione e di scelta, soprattutto in relazione ad una aumentata capacità di rapportarsi in termini positivi con le risorse presenti nella realtà territoriale;
  • sviluppare e potenziare la didattica laboratoriale e la costruzione di percorsi che prevedono l’organizzazione di un tempo-scuola flessibile;
  • progettare e sviluppare idee innovative e attività collegate all'utilizzo delle nuove tecnologie;
  • organizzare e gestire le attività di alternanza scuola-lavoro delle scuole della rete e degli altri istituti del territorio;
  • sviluppare le competenze necessarie all'ideazione e all'avvio di nuove iniziative (start-up).

In questo contesto, ponendo sempre particolare attenzione alle esigenze di alunni con BES, sarà possibile promuovere, organizzare e facilitare innumerevoli attività finalizzate all'acquisizione di competenze specifiche: (metterci qualcosa che ha a che fare con competenze)

  • la coniugazione della conoscenza teorica delle discipline curriculari con le nuove tecnologie;
  • la sperimentazione e pratica delle nuove tecnologie applicate alle professioni, vecchie e nuove, che caratterizzano il territorio;
  • la promozione dell’offerta turistica locale attraverso la promozione della cultura culinaria salentina;
  • il monitoraggio e controllo del territorio e dell’ambiente;
  • la creazione di prodotti digitali altamente tecnologici per una gestione di qualità dei flussi turistici e culturali;
  • la valorizzazione di settori del made in Italy con particolare riferimento all'agroalimentare;
  • la conservazione della memoria storica e iconografica del territorio attraverso la realizzazione di visite virtuali e archivi fotografici;
  • l'informazione e consulenza per l'autoimprenditorialità giovanile;
  • lo sviluppo delle soft skills nei giovani;
  • lo sviluppo delle competenze e professionalità nel settore dello sviluppo del software con particolare attenzione alle nuove tecnologie applicate alla didattica;
  • lo sviluppo delle capacità di progettazione e realizzazione di prototipi;
  • la progettazione e realizzazione di corsi, seminari e stages orientati alla programmazione e sviluppo del territorio;
  • l'individuazione di bandi di finanziamento pubblico e redazione delle relative proposte progettuali;
  • l'organizzazione di eventi e convegni sui temi dello sviluppo del territorio;
  • l'organizzazione di corsi, attività ed eventi inerenti la creazione d’impresa;
  • l'inserimento di alunni stranieri e/o con BES;
  • l'incoming nell'ambito del Servizio Volontario Europeo (Erasmus plus) per l’ospitalità di giovani europei tra i 18 e i 29 anni, cui far vivere esperienze di volontariato a progetto con loro pari europei;
  • l'organizzazione di seminari, corsi di formazione ed eventi per i giovani locali finalizzati all'acquisizione di competenze in tutti gli ambiti di interesse del territorio.

Elemento fondamentale per la realizzazione degli obiettivi è la creazione di una rete territoriale che ha il compito di sviluppare e consolidare i rapporti tra le istituzioni scolastiche ed educative statali e le parti sociali del territorio. La rete del partenariato di progetto è ampia e comprende soggetti qualificati e rappresentativi del territori: singole aziende, associazioni di categoria, università, enti locali, start-up, enti pubblici e privati di formazione e liberi cittadini.

Gli enti partner parteciperanno attivamente all'organizzazione delle attività e saranno essi stessi fruitori dei laboratori e delle infrastrutture realizzate dal progetto.